Articoli e News

Diritto penale

apr132023

Cancellazione pena accessoria con esito positivo affidamento in prova ai servizi sociali

La Suprema Corte, con la sentenza n. 12985/2023, ha stabilito che deve essere privilegiato l'orientamento giurisprudenziale secondo cui alla cancellazione della pena principale, a seguito dell'esito positivo del periodo di affidamento in prova ai servizi sociali, travolge anche gli altri effetti della condanna, tra cui le pene accessorie (come ad esempio l'interdizione). Ciò significa che colui che non rispetta la prescrizione accessoria, dopo tale esito positivo, non commette reato di inosservanza delle pene accessorie ex art. 389 c.p. In allegato la sentenza di cui trattasi.

Cancellazione pena accessoria con esito positivo affidamento in prova ai servizi sociali

mar022023

Il reato di sostituzione di persona nei social network

L'art. 494 c.p., che disciplina il reato di sostituzione di persona, stabilisce che "Chiunque, al fine di procurare a sé o ad altri un vantaggio o di recare ad altri un danno, induce taluno in errore, sostituendo illegittimamente la propria all'altrui persona, o attribuendo a sé o ad altri un falso nome, o un falso stato, ovvero una qualità a cui la legge attribuisce effetti giuridici, è punito, se il fatto non costituisce un altro delitto contro la fede pubblica, con la reclusione fino ad un anno." Nel caso di creazione di un profilo virtuale falso, si configura tale reato? Secondo...
mag022022

Gratuito patrocinio sempre ammesso, indipendentemente dal reddito, in caso di richiesta di parte offesa da reati connessi alla violenza di genere

A prescindere dalla disponibilità, o meno, economica, l'istanza di ammissione al gratuito patrocinio avanzata dalla vittima del reato di stalking che si costituisce come parte civile nel processo va sempre accolta. Infatti, con sent. n. 16272/2022 la Corte di Cassazione riconferma un orientamento già precedentemente assunto, in base al quale si afferma la piena legittimità dell'art. 76 co. 4-ter D.P.R. 115/2002, stabilente che la richiesta di patrocinio gratuito presentata dalla parte offesa da delitti fondati sulla "violenza di genere" deve essere sempre ammessa, non in considerazione...

Gratuito patrocinio sempre ammesso, indipendentemente dal reddito, in caso di richiesta di parte offesa da reati connessi alla violenza di genere

apr272022

Sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte: necessaria intenzionalità

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 15239/22 ha chiarito che "Il delitto di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte è reato di pericolo per il quale non rileva l'avvenuta emissione, in tutto o in parte, di cartelle esattoriali ma è richiesta soltanto l'esistenza di un credito erariale relativo, per capitale e/o interessi o sanzioni, ad imposte sui redditi o sul valore aggiunto, suscettibile di essere azionato coattivamente; pertanto, la verifica del superamento della prevista soglia di punibilità (superiore a cinquantamila euro) va effettuata al momento del compimento...

Sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte: necessaria intenzionalità

feb022022

Nuove considerazioni della Cassazione sulla bancarotta

Il 2022 si è aperto con una serie di importanti pronunce in tema di bancarotta, andando a delineare in modo più chiaro i confini entro cui il fatto costituisce tale reato. Primariamente, è bene ricordare il contenuto dell'art. 216 della legge fallimentare: "È punito con la reclusione da tre a dieci anni, se è dichiarato fallito, l'imprenditore, che: 1) ha distratto, occultato, dissimulato, distrutto o dissipato in tutto o in parte i suoi beni ovvero, allo scopo di recare pregiudizio ai creditori, ha esposto o riconosciuto passività inesistenti; 2) ha sottratto, distrutto o...

Nuove considerazioni della Cassazione sulla bancarotta

1 2 3 4 5 6 Avanti

Archivio